Cerca la tua vettura


Auto a noleggio di lusso e cabrio a Olbia

Affidati ai nostri servizi di noleggio auto Olbia aeroporto per prenotare con tutta comodità e facilità il tuo autonoleggio economico. Siamo presenti all'interno dell'aeroporto Costa Smeralda a Olbia per offrirti eccezionali sconti e offerte low-cost convenienti per viaggiare in libertà e con tutti i comfort nella città di Olbia e nella sua fantastica Costa Smeralda. Olbia è la porta della Sardegna per accedere alla Costa Smeralda. Ricca di insediamenti turistici molto importanti, come Porto Rotondo e Portisco, dotati d'infrastrutture che li rendono un porto turistico molto importante per tutta l'isola. Olbia è il principale riferimento e centro servizi per la costa Nord-Est della Sardegna, come la Costa Smeralda, l'Arcipelago della Maddalena e Santa Teresa di Gallura. A pochi chilometri si trovano le cittadine di Budoni e San Teodoro.

Noleggio auto economiche e low-cost a Olbia Costa Smeralda, Olbia


Guidare nella città di Olbia

Guidare a Olbia è veramente molto semplice: la città è piccola e poco affollata, per questo anche il traffico è in misura ridotta. In città, in aeroporto e al porto esistono parcheggi custoditi a pagamento, ma chi desidera sostare in strada gratuitamente non avrà particolare difficoltà a trovare un parcheggio gratuito, sopratutto nella via principale Aldo Moro o Via Luigi Galvani, entrambe a pochi minuti a piedi dal porto. Più difficoltoso sarà trovare parcheggio nelle spiagge della Costa Smeralda, come Cala di Volpe, il Piccolo Pevero o la Spiaggia del Principe, nonostante ci siano parcheggi a pagamento custoditi, al costo di 3,00€ all'ora o 21,00€ al giorno è difficile trovare posti liberi. Una pecca della Costa Smeralda è l'assenza di mezzi pubblici che permettano di raggiungere le spiagge più belle, facendo sì che si è obbligati ad avere un'auto a noleggio direttamente dall'aeroporto Costa Smeralda. Per maggiori informazioni per il comune di Olbia, visitare il sito istituzionale www.comune.olbia.ss.it.


Cosa Visitare a Olbia e nella Costa Smeralda

La città di Olbia adagiata su un golfo naturale di notevole bellezza è delimitata dalle sue incredibili isole di Tavolara e Molara. Meta perfetta per chi desidera una vacanza a contatto con la natura incontaminata, mare cristallino e spiagge caraibiche. Olbia non possiede soltanto tesori naturalistici, nelle vicinanze della città si possono ammirare il Pozzo Sacro nuragico di “Sa Testa” e le Tombe dei Giganti di “Su Monte de s'Ape” o ancora, le tracce della Olbia antica conquistata dai Romani con il foro romano, le terme e l'acquedotto. Ovviamente anche il centro storico di Olbia è molto affascinante, con i suoi monumenti storici, come la Chiesa di San Simplicio del XII secolo e la chiesa di San Paolo arricchita dal granito sardo. Nei dintorni del lungomare potrete passeggiare e rilassarvi facendo shopping nei numerosi negozietti e nelle botteghe artigianali, o gustare dell'ottimo pesce fresco di giornata nei tanti ristoranti di Olbia. Se volete ulteriormente godervi la vacanza, potrete sempre noleggiare un'auto all'aeroporto di Olbia e visitare Alghero, distante appena 100 chilometri.


Porto Cervo in Costa Smeralda, da non perdere!

Porto Cervo in Costa Smeralda noleggio auto di lusso Vista di Porto Cervo


Se si parla di Costa Smeralda, si intende obbligatoriamente Porto Cervo. Conosciuta in tutto il mondo, in estate diventa la “capitale del gossip in Italia”. Piccola frazione di Arzachena è un gioiello incastonato nel golfo lungo 55 chilometri. Prende il nome grazie al suo golfo naturale che ricorda la forma di un cervo, sicuramente un luogo da visitare anche se non siete amanti del lusso e del gossip. Dalla sua celebre piazzetta delle chiacchiere, famosa in tutto il mondo, fino al sotto piazza ci si ritrova in un insieme di viuzze interne, finestre e balconcini, tutti costruiti nel classico stile della Costa Smeralda, tra i suoi negozi e le sue boutique con i marchi più importanti della moda mondiale. Tutt'intorno troverete delle meravigliose ville immerse nel verde della macchia mediterranea. A Porto Cervo possiamo ammirare un doppio porto: Porto Vecchio e Marina Nuova. Nel Porto Vecchio troverete ormeggiate le più belle barche del mondo, con panfili e yacht, tra cui l'Al-Mirqab di proprietà del primo ministro del Qatar, Sheikh Hamad bin Jassim bin Jaber Al-Thani, ormeggiato tutte le estati nel fantastico porto. A Porto Vecchio sono ormeggiati circa quindici yacht tra i più costosi al mondo, dal valore che varia dai 290 milioni di euro ai 21 milioni. La Marina Nuova, o più comunemente chiamata Marina di Porto Cervo, è uno dei più attrezzati e accoglienti attracchi di tutto il mondo, incastonato in una rada perfettamente riparata da tutti i venti. Dalla Marina Nuova si accede all'interno del fantastico residence di Porto Cervo, magari gustandovi un gelato nella passeggiata del porto ammirando le bellezze della natura mischiate agli yacht tra i più lussuosi al mondo. I bar di Porto Cervo raramente espongono i loro prezzi all'esterno del locale, e vi consigliamo di chiedere prima il prezzo di quello che vorreste consumare: un caffè può arrivare a costare fino a 9,00 euro e un gelato 15,00 euro.


Spiaggia del Principe, la regina delle spiagge in Costa Smeralda

La Spiaggia del Principe è una delle più belle spiagge in Costa Smeralda, deve il suo nome al principe Aga Khan, data la sua preferenza a questa spiaggia, ormeggia tutti gli anni con il suo panfilo dotato di pista d'atterraggio del suo elicottero personale. La spiaggia è un grande arco di sabbia finissima delimitata da rocce e circondata dalla macchia mediterranea. Il colore e la limpidezza di questo mare sono dovute grazie al fondale in sabbia di granito. Quest'angolo di natura viene considerato il più bello della costa ed uno dei più belli dell'isola dovuto grazie alla bianchissima sabbia, i graniti rosa e i colori turchese del mare mischiati con il verde smeraldo della flora. La natura è solitaria e selvaggia, di piccole dimensione, molto pulita, ne rendono una spiaggia per poche persone per un relax in completa armonia.


Villaggio nuragico “La Prisgiona” di Capichera

Se siete in Sardegna, non potete non visitare i nuraghi strutture in pietra a forma di tronco conica presenti solamente in Sardegna e risalenti alla civiltà nuragica dal 1800 a.C. fino al 1100 a.C.


Nuraghe La Prisgiona di Capichera a Olbia Nuraghe "La Prisgiona" a Capichera, Olbia



Anche se molti non lo sanno, anche in Costa Smeralda è presente uno stupendo nuraghe, il Nuraghe La Prisgiona. È situato in località Capichera e le sue dimensioni sono veramente notevoli, facendone un nuraghe complesso del tipo a ”tholos”, ovvero con copertura a falsa cupola, molto insolito nella Gallura. Il complesso archeologico è veramente suggestivo e le guide preparatissime vi condurranno in un viaggio unico attraverso la civiltà nuragica, facendovi immergere in quello che un tempio era la Sardegna nuragica.


La Maddalena e la casa di Giuseppe Garibaldi

L'Arcipelago della Maddalena si trova nella costa nord-settentrionale della Sardegna, al largo della Costa Smeralda. Raggiungibile con il traghetto dal porticciolo di Palau, è costituito da 7 isole principali, tra cui La Maddalena, Caprera ove è presente il compendio garibaldino, Budelli, Santo Stefano, Santa Maria, Spargi e Razzoli. In aggiunta ha svariati isolotti minori incontaminati bagnati da un mare meraviglioso e trasparente.


Tra le isole maggiori, Caprera, è famosa per aver ospitato Giuseppe Garibaldi durante il suo esilio, la sua casa è oggi una villa museo aperta al pubblico dalle 09:00 alle 20:00. Il costo del biglietto è di soli 6,00 euro intero e 3,00 euro ridotti e vi consigliamo di visionarlo perché è un vero tesoro immerso nella natura del mediterraneo.


Le numerose spiagge dell'Arcipelago della Maddalena sono note per la loro limpidezza e molto apprezzate dai turisti, sia italiani che stranieri. Cala Corsara è considerata la spiaggia più bella di tutto l'arcipelago grazie a una spiaggia bianca finissima e da un mare cristallino. Immancabile è la Spiaggia Rosa, nell'isola di Budelli, prende il nome dallo sbriciolamento dei gusci di piccoli animali marini che colorano la sabbia di un colore rosastro. Si consiglia di noleggiare un gommone per visitare tutte le isole dell'arcipelago perché non sono presenti traghetti fuorché per l'isola della Maddalena.


Come arrivare al Compendio Garibaldino

Per arrivare al Compendio Garibaldino dall'aeroporto Costa Smeralda di Olbia, prendi Via gli Austronauti in direzione della strada statale 125. Arrivati alla SS125 prendere la direzione verso Arzachena. Superato Arzachena prendere la direzione Palau. Arrivati a Palau è possibile prendere il traghetto per l'isola de La Maddalena con la compagnia Delcomar (a questa pagina è possibile visionare gli orari di partenza dal porto). Sbarcati sull'isola prendere Via Ammiraglio Mirabello e continuare fino a Via Benvenuto Cellini. Alla fine di Via Benvenuto Cellini, seguire le indicazioni per "Compendio Garibaldino"




Chiesa di San Simplicio a Olbia

San Simplicio è una delle chiese più imponenti e significative del Romanico sardo. La chiesa viene datata tra il VII e il XII secolo a causa della mancanza di fonti documentarie che ne stabiliscano la reale epoca storica. La chiesa ha pianta a tre navate, divise da arcate su pilastri e colonne, secondo un sistema alternato di sostegni. La chiesa presenta una facciata tripartita da due lesene, arricchita da una trifora incassata, con colonnine in marmo; quella di sinistra, quadripartita, ha scolpiti sul fronte una piccola faccia e un serpente sul lato; su quella di destra, divisa in sei colonnine, è scolpita una cinghia, in una soluzione di continuità che rappresenta nella simbologia cristiana l'immortalità dell'anima. I capitelli sono in pietra lavica nera con ornamenti di figure di uccelli (non più Chiaramente distinguibili) e foglie di acanto, sormontati da uno sproporzionato echino. Successivo alla costruzione della chiesa è invece il campanile a vela di gusto spagnolesco, sulla destra. A sinistra nel prospetto principale, sotto un archetto, è presente una lastra marmorea di recupero, raffigurante Cristo che sconfigge i popoli pagani, secondo la narrazione dell'Apocalisse di Giovanni (Ap 13,11-12). Si tratta di un rilievo, forse proveniente dall'antica cattedrale di Fausania, scolpito attorno all'inizio dell'VII secolo che trova riscontro con alcune fibbie merovingiche della stessa epoca ritrovate in Francia.






Fonti